Per questo suo primo disco, Francesco ha composto sette brani che rappresentano per lui, una sorta di messaggio di speranza: Il cielo blù non manca mai (the blue sky never fails), titolo dell’album e del primo brano è “l’inno” di questo lavoro musicale. Spesso viviamo nel “buio” dei nostri tempi, senza capire che sopra di noi, il cielo blù non manca mai. Con questo filo conduttore, si susseguono gli altri brani, quasi ad indicare una via per la “libertà”, con un percorso ascendente, fino all’ultimo brano (freedom), dove il concetto di questa libertà raggiunta, trova il suo epilogo.